Tuscany Consulence agenzia grafica siti internet e comunicazione a Siena e tutta Italia | Strategie di Comunicazione e Marketing
33
post-template-default,single,single-post,postid-33,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-6.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.3.5,vc_responsive

Strategie di Comunicazione e Marketing

05 Nov Strategie di Comunicazione e Marketing

In un contesto come quello attuale, in cui il consumo non è più legato al soddisfacimento di bisogni essenziali e la competizione tra i brand si gioca sul terreno delle emozioni,  il marketing esperienziale rappresenta  la nuova frontiera del business.

Quali sono le nuove opportunità di branding che il marketing esperienziale offre alle aziende?
Il marketing esperienziale offre all’azienda la possibilità di conoscere davvero il cliente sintonizzando al meglio il prodotto in base alle sue esigenze e fornendo insieme al prodotto un’esperienza in grado di soddisfarne le attese.

Cosa differenzia il consumatore dell’era digitale rispetto al passato?
Il consumatore digitale è amante della verità. L’incremento di interattività esploso con i new media gli permette di confrontarsi, condividere pareri e informazioni in modo da disarticolare le promesse pubblicitarie, soprattutto quando queste non vengono mantenute. A questo si deve adattare la nuova comunicazione pubblicitaria on line: ad un pratica di trasparenza e verità maggiore che in passato.

Il punto vendita è il punto di partenza nella creazione di  esperienze positive legate alla marca. Quali sono le caratteristiche di uno store “esperienziale”?
Essenzialmente cinque.  Cura e attenzione degli aspetti sensoriali, sviluppo delle emozioni euforiche, costruzione di un pensiero sul prodotto\servizio, sviluppo di azioni corrispondenti e, infine, costruzione di una relazione positiva.

Quale ruolo svolgono le nuove tecnologie nella creazione di esperienze legate alla marca e come possono integrarsi in modo efficace con le strategie di comunicazione offline?
La forza delle nuove tecnologie consiste nel fatto che esse sono costitutivamenterelazionali. Non servono a sviluppare relazioni in quanto sono relazioni esse stesse. Quindi  il possesso di una nuova tecnologia “social” è in realtà già un’esperienza, duttile, cangiante, articolata e ricca quanto possono esserlo le relazioni umane. Il rapporto con le strategie di comunicazione off line è quindi sbilanciato a sfavore di queste ultime che non riescono ad essere  così relazionali ed  interattive. L’esperienza off line, però, possiede ancora un importante  asso nella manica poiché il luogo di consumo è in realtà un touch point che venendo a diretto contatto con il cliente è in grado di fornirgli  esperienze reali e non virtuali.

Quali ulteriori sviluppi potrà assumere secondo te il marketing esperienziale in futuro?
Il marketing esperienziale potrà togliere virtualità al virtuale, potrà cioè rendere più presente e vivo e concreto il rapporto con il cliente, facendogli toccare e sentire davvero  il mondo della marca.

 

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.